DIFFERENZA TRA OSTEOPATA E FISIOTERAPISTA

A parte l’aspetto riabilitativo, svolto esclusivamente dal fisioterapista, osteopati e fisioterapisti possono trattare gli stessi disturbi. Ciò che differenzia osteopatia e fisioterapia è la filosofia con cui si approcciano alla terapia.

L’osteopata mira a migliorare lo stato di salute generale del corpo agendo sul sistema muscolo-scheletrico, viscerale, circolatorio e nervoso, ripristinando le normali funzioni e alleviando i sintomi. Vengono utilizzate diverse tipologie di tecniche manuali per migliorare la mobilità delle articolazioni, alleviare la tensione muscolare e favorire l’apporto di sangue ai tessuti con il fine di promuovere i meccanismi di autoguarigione dello stesso organismo.

OSTEOPATA E FISIOTERAPISTA SONO ENTRAMBE PROFESSIONI SANITARIE

L’attività del fisioterapista è considerata una professione sanitaria da tempo mentre la professione dell’osteopata è stata approvata recentemente, il 24 giugno 2021, come professione sanitaria a pieno titolo. Il DPR ha recepito l’accordo tra Governo, Regioni e Province autonome riguardante la definizione del profilo professionale dell’osteopata, sancito il 5 Novembre 2020 e previsto dalla legge n.3 del 2018.

Rimane da affrontare il tema della formazione e delle equipollenze per uniformare le varie scuole di osteopatia e garantire che tutti i nuovi diplomati abbiano una formazione simile.

La differenza tra osteopata e fisioterapista riguarda principalmente il tipo di approccio: l’osteopata utilizza esclusivamente un approccio manuale e non si avvale di apparecchiature, mentre Il fisioterapista può servirsi di apparecchiature elettromedicali quali tecar, tens, elettrostimolazione ecc.